Le istituzioni

La nostra città può vantare una lunga serie di fiori all’occhiello. La rassegna Humor a Gallarate è sicuramente uno di questi. La sua storia parla da sola: 23 edizioni, una dietro l’altra, sono il marchio di una iniziativa cresciuta anno dopo anno, fino a diventare un vero e proprio punto di riferimento per gli artisti della satira in punta di matita. Anche questa volta la giuria è stata chiamata a selezionare lavori arrivati da tutti i continenti e ancora una volta l’elenco dei Paesi partecipanti si allarga con il debutto di “concorrenti” dalla Norvegia e dalla Finlandia. Una rassegna sempre più unica nel suo genere in grado di fare della qualità il suo vero valore aggiunto.

Merito della Pro Loco, del suo presidente Vittorio Pizzolato e di tutto il suo staff: ricordo da ragazzo le prime esposizioni, quasi amatoriali e monopolizzate da “humoristi” della zona. Tutta un’altra storia rispetto a quella raccontata oggi, in una cornice di grande prestigio rappresentata dal Ma*Ga. Un connubio ormai consolidato, impreziosito dal tema scelto per l’edizione del 2017, ovvero “On the road”, lo stesso filo conduttore della stupenda rassegna di dipinti di Jack Kerouac ospitata in prima mondiale nel nostro museo. Collegare lo humor al padre della Beat generation e mettere assieme un’associazione di promozione locale legata alle tradizioni popolari a un museo di arte moderna, sono cose mai viste prima che succedono solo a Gallarate.

Andrea Cassani

Sindaco di Gallarate

Per la XXIII edizione della rassegna “ Humor a Gallarate Grand PrixMarco Biassoni- Premio Osvaldo Cavandoli”, la scelta del tema  “On the road”, porta con sé un significato che va oltre la traccia data ai partecipanti. “On the road” è il titolo dell’opera letteraria di maggiore successo di Jack Kerouac, diventata il manifesto della Beat generation. Ma Kerouac è stato anche artista e pittore, come magistralmente documentato dalla mostra inaugurata al Ma*Ga a dicembre 2017 e che fino ad aprile 2018 permetterà di vedere dipinti e disegni, che testimoniano di un’ attività poco conosciuta dello scrittore americano, ma complementare alla sua formazione culturale. Ed artisti sono tutti i 108 autori delle vignette in concorso, selezionati dalla giuria della rassegna.

Apprezzo molto la scelta del tema On the road, in sintonia con la programmazione del museo, perché da una parte rappresenta il consolidamento della collaborazione tra Pro Loco e museo Ma*Ga, dall’altra è la testimonianza concreta di come fare rete sia oggi più che mai strategico, nell’ottica di un intelligente e programmato sviluppo culturale. Il percorso di crescita della rassegna dello humor è stato straordinario; la Pro Loco ha saputo guardare lontano senza il timore di puntare in alto, portando la rassegna dello humor on the road ben oltre i confini gallaratesi, posto che ormai da tempo si è affermata come un appuntamento annuale di carattere internazionale. Davvero ammirata per la pregevole qualità e quantità delle vignette selezionate per questa 23esima edizione dello humor a Gallarate, ringrazio il Presidente Vittorio Pizzolato ed i suoi collaboratori per l’impegno profuso e l’entusiasmo con cui hanno lavorato, senza mai “perdere la strada”.

Isabella Peroni

Assessore alla Cultura
Città di Gallarate